Emergenze (inclusi festivi) 06 8075231 info@studioborreo.it

Medicina Estetica Roma Parioli

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Prendersi cura del proprio viso e del proprio collo significa intraprendere un percorso il cui obiettivo complessivo sarà il perseguimento di un aspetto più tonico e giovanile.

Le terapie proposte nel nostro studio sono molteplici e si avvalgono, quando necessario, dell’ausilio di tecnologie e macchinari all’avanguardia di ultima generazione che ci permettono di effettuare trattamenti estetici minimamente invasivi che riducono al minimo fastidi e disagi post intervento.

_Scopri tutti i nostri trattamenti cliccanto le voci nel menù sotto a sinistra.

Carbossiterapia

Con il termine carbossiterapia si intende la somministrazione sottocutanea di un gas, l’anidride carbonica, a scopo terapeutico.

grazie a tecnologie d’avanguardia, è possibile effettuare sedute di carbossiterapia anche in ambulatorio con un’apparecchiatura certificata dal Ministero della Salute e in grado di erogare anidride carbonica in modo controllato con dosaggi e tempi di erogazione ben definiti.

La carbossiterapia trova applicazioni in diversi campi: vascolare, medico estetico, dermatologico e chirurgoplastico. Recente è l’applicazione di tale terapia contro l’invecchiamento cutaneo e per migliorare l’elasticità dei tessuti.

Qual è l’azione del gas iniettato sottocute?


1) AZIONE SULLA CIRCOLAZIONE: il gas determina una vasodilatazione diretta, l’aumento della velocità del flusso sanguigno e l’apertura dei capillari schiacciati dai liquidi di ritenzione e da cellule grasse dilatate. Il sangue scorre più veloce, i tessuti sono più ossigenati, le scorie vengono più facilmente smaltite e i gonfiori, ad esempio delle gambe, si risolvono.

2) AZIONE SUL GRASSO: gli effetti del gas sul tessuto adiposo sono un effetto lipolitico diretto (si tratta di vere e proprie rotture del grasso!) legato all’azione meccanica del flusso del gas e un effetto lipolitico indiretto legato alla capacità del gas di aumentare la disponibilità di ossigeno ai tessuti e quindi determinare una RIATTIVAZIONE DEL METABOLISMO CELLULARE (si riattivano gli enzimi in grado di sciogliere i grassi).

3) AZIONE SULLA CUTE: migliora in generale l’aspetto della pelle che risulta più tonica, più compatta , più luminosa; ciò è dovuto all’aumento del flusso sanguigno, all’ossigenazione dei tessuti e all’azione sul fibroblasto, la cellula in grado di produrre acido ialuronico e collagene e fibre elastiche (analizzando una cute trattata al microscopio si è osservato un ispessimento di uno strato cutaneo, il derma, determinato dall’aumento delle fibre elastiche
e collagene).

4) NESSUN RISCHIO PER LA SALUTE: l’anidride carbonica è atossica, batteriologicamente pura e non provoca embolia. Non esistono effetti collaterali se non qualche piccolo livido creato dal microago. E’ controindicata in gravidanza, in caso di infarto acuto e di gravi malattie renali e polmonari.

Le applicazioni della carbossiterapia:

  • MICROCIRCOLO: il gas inoltre è in grado di ricanalizzare i capillari compressi dalle cellule grasse e dalla ritenzione dei liquidi, rendendo meno evidenti quelle inestetiche linee rosse sulla pelle (= MENO SEDUTE DI SCLEROTERAPIA!) La carbossiterapia interrompe il processo di formazione dei capillari dilatati.
  • ULCERE VASCOLARI E VARICI: la riattivazione circolatoria creata dalla carbossiterapia aiuta sia la cicatrizzazione delle ulcere sia un miglior deflusso del sangue nelle vene già sfiancate e dilatate; nel caso non sia ancora necessario un intervento chirurgico o subito dopo un intervento di safenectomia la carbossiterapia rappresenta un validissimo aiuto.
  • RILASSAMENTI CUTANEI, RUGHE, SMAGLIATURE, CICATRICI:
Ringiovanimento cutaneo di collo e decolleté: migliora l’idratazione della cute e il tono cutaneo.
Trattamento delle rughe del volto: l’iperossigenazione dei tessuti determina una riattivazione metabolica in tutti gli strati della pelle e coinvolge anche il fibroblasto, la cellula responsabile della produzione di collagene, elastina e acido ialuronico: pertanto tale trattamento rappresenta un vero e proprio trattamento biostimolante inducendo il fibroblasto a produrre le molecole della giovinezza.
  • CELLULITE (Panniculopatia edematofibrosclerotica, PEFS): nella cosiddetta cellulite o meglio sindrome cellulitica la causa più importante è l’alterazione del microcircolo (microangiopatia da stasi) seguita dalle alterazioni del tessuto adiposo stesso (aggregazione adipocitaria e fibrosi). La carbossiterapiainverte questo processo: il sangue scorre più velocemente, i tessuti sono più ossigenati, le scorie vengono smaltite e così irregolarità cutanee ed edemi si risolvono.
  • ADIPOSITA’ LOCALIZZATE su addome, sui fianchi, cosce e ginocchia: il gas riesce a rompere le membrane degli adipociti (le cellule che costituiscono l’adipe) e a ridurre così i volumi di pancia, fianchi, glutei.
  1. Rilassamenti cutanei di addome (post-gravidico), di braccia e cosce (post-dimagrimento).
  2. Trattamento di smagliature e cicatrici chirurgiche: la carbossiterapia rende le smagliature e cicatrici meno evidenti.
  3. La carbossiterapia è propedeutica per l´intervento chirurgico di LIPOASPIRAZIONE e ADDOMINOPLASTICA: migliora il risultato dell’intervento e abbrevia i tempi di recupero post-operator

Botulino 

Il botulino è una tossina botulinica purificata di tipo A che iniettata superficialmente nei muscoli provoca un blocco detto colinergico, ovvero il blocco della produzione di acetilcolina, sostanza che trasmette l’impulso nervoso ai muscoli. La tossina botulinica se iniettata nei muscoli mimici del viso provoca una riduzione dell’attività contrattile attenuando così le rughe d’espressione, provocate dalla contrazione dei muscoli in questione.

La seduta, semplice e di breve durata, prevede poche microiniezioni della proteina purificata nei muscoli responsabili, attraverso la loro azione mimica, della formazione delle rughe. Si esegue ambulatorialmente senza necessità di alcun tipo di anestesia. Il trattamento è ben tollerato e non è doloroso. E’ possibile riprendere immediatamente le proprie abituali attività.

Eventuali gonfiori ed edemi nei siti di iniezione spariranno entro poche ore dal trattamento.
 I risultati cominciano ad essere visibili entro i primi sette giorni e tenderanno a stabilizzarsi nei primi 15 giorni, periodo nel quale gli effetti potranno essere variabili così da creare eventuali transitorie asimmetrie.

Il massimo effetto si raggiunge dopo circa 30 giorni e i risultati raggiunti dureranno approssimativamente 3-6 mesi, non è consigliabile ripetere il trattamento prima di 3 mesi. L’insorgenza di eventuali complicanze è sempre e comunque un evento transitorio e completamente reversibile. Esse possono consistere in blefaroptosi (discesa della palpebra), discesa del sopracciglio, disturbi della mimica, destinati a risolversi spontaneamente nel giro di poche settimane. Tra i rari effetti indesiderati vengono riportati cefalea e nausea transitorie.

Gli interventi di correzione delle rughe con tossina botulinica possono essere considerati “preventivi”, in quanto il riposo temporaneo che la tossina botulinica regala al muscolo previene la formazione delle rughe o delle pieghe in quella sede, perché il muscolo non si contrae.

Ottimo per la correzione delle rughe del volto, fronte, rughe perioculari, rughe radiali labbro superiore, mento.

La medicina non invasiva: Plexr
BLEFAROPLASTICA NON CHIRURGICA

Molte persone affette da quell’eccesso di pelle alle palpebre che conferisce allo sguardo un’aria stanca e datata, evitano di affrontare l’intervento di blefaroplastica per paura sia dell’anestesia che delle possibili complicanze conseguenti all’intervento tradizionale.

La blefaroplastica non invasiva viene effettuata senza anestesia, direttamente nello studio medico, e non dà luogo a sanguinamento. L’intervento di blefaroplastica si effettua senza incidere, eliminando con un rivoluzionario strumento uno starto di corneociti per sublimazione, inoltre è possibile effettuare nuovamente il trattamento in caso di necessità. Il post intervento non crea disagio al paziente, che uscendo dallo sudio medico può riprendere la propria attività. Rimangono delle piccole crosticine che cadranno dopo circa sette giorni e che potranno nel frattempo essere nascoste con un semplice fondotinta.

Questo nuovo tipo di tecnologia non Invasiva consente di affrontare tutti i tipi di macchie della pelle (brune e bianche), come cloasma, melasma, vitiligine, macchie solari, tatuaggi estetici e nevi.

Grazie alla chirurgia al plasma, totalmente non invasiva è possibile trattare gli xantelasmi, ipercheratosi, fibromi, verruche, effettuare gengivoplastiche e frenulectomie.

Filler

I campi di applicazione sono i più disparati, ma si rifanno tutti al medesimo concetto: riempire e ridare turgore a un tessuto che lo ha perso con il tempo, l’età e l’invecchiamento o non lo ha proprio mai avuto.

Aumento e rimodellamento del profilo, della forma o del volume delle labbra, riempimento degli zigomi, delle rughe nasogeniene, delle commessure labiali o sottolabiali, tutte le altre rughe del volto, colmare delle depressioni naturali o cicatrici quale esito di traumi o patologie, sono alcuni dei campi di applicazione dei filler.

Tutti i materiali utilizzati sono altamente biocompatibili e non permanenti, quindi completamente riassorbibili.

E’ fondamentale che questi riempitivi siano a base di acido ialuronico, la sostanza più usata per le sue caratteristiche di biocompatibilità, e che siano riassorbibili.
Queste due caratteristiche permettono interventi di tutta sicurezza ed estremamente naturali. Lo studio attento del volto e dei movimenti mimici permettono di eseguire “ritocchi” nel rispetto della persona senza stravolgere lineamenti ed espressione, caratteristiche che ci identificano.

E’ vero, i filler si riassorbono durano in media dai 6 ai 12 mesi a seconda delle sedi in cui vengono iniettati, ma non espongono a tutte le sequele di un intervento chirurgico.

I risultati si hanno immediatamente e possiamo continuare a condurre la nostra vita sociale senza intoppi anzi meglio di prima: più belli, più sicuri, più giovani, più desiderabili. L’acido ialuronico di varie densità è oggi il materiale più usato e ha soppiantato il collagene e il vecchio silicone (dichiarato da tempo fuorilegge)

Radiofrequenza

La radiofrequenza in medicina estetica è un trattamento non invasivo che sfrutta l’azione di onde elettromagnetiche per contrastare diversi tipi di inestetismi.

Più nel dettaglio, la radiofrequenza in medicina estetica trova applicazione nel trattamento di inestetismi del tempo, lassità cutanea, smagliature e perfino cellulite.
La tecnica della radiofrequenza esercita la sua azione sostanzialmente grazie alla produzione di calore che si verifica in seguito al passaggio della corrente elettromagnetica nella cute e grazie al trasferimento dello stesso attraverso i differenti strati della pelle.

In funzione di quanto il calore si propaga in profondità, si possono ottenere effetti diversi.
Quando il calore attraversa l’epidermide e raggiunge il derma, qui provoca la denaturazione termica delle proteine che formano il collagene con conseguente accorciamento delle fibre che lo compongono e stimolazione dell’attività dei fibroblasti. I fibroblasti così stimolati non solo producono nuovo collagene che andrà a sostituirsi a quello vecchio e danneggiato, ma producono anche nuove fibre elastiche e nuovi glicosamminoglicani. A questo proposito, ricordiamo che questi componenti sono di fondamentale importanza per il mantenimento di una pelle tonica, soda e giovane.
Se il calore generato dal passaggio delle cariche elettriche nella cute raggiunge anche il tessuto adiposo sottostante è possibile ottenere un effetto benefico sul microcircolo. Più precisamente, quando il calore formatosi durante il trattamento di radiofrequenza raggiunge l’ipoderma, si assiste ad una riduzione della stasi microcircolatoria e alla riduzione dell’accumulo di liquidi a livello interstiziale (edema), determinando in questo modo un miglioramento della cellulite edematosa e fibrosa. Grazie a questo stesso meccanismo d’azione, inoltre, viene favorito anche un effetto lipolitico

Quali Risultati si ottengono con la Radiofrequenza in Medicina Estetica?
I risultati del trattamento di radiofrequenza in medicina estetica ottengono il riscontro positivo dei pazienti nella maggioranza dei casi.
In particolare, la radiofrequenza è molto apprezzata per l’effetto antietà che riesce ad esercitare, riducendo rughe e inestetismi del tempo in modo indolore e non invasivo. Alcuni, addirittura, considerano la radiofrequenza in medicina estetica come una sorta di lifting non chirurgico.

Tuttavia, è bene precisare che per ottenere risultati apprezzabili, non è sufficienteuna singola seduta di radiofrequenza ma occorre effettuare un ciclo completo in più sedute.

La quantità di sedute per ciclo di trattamento dipende sostanzialmente dal tipo di inestetismo che si vuole combattere, dalla sua gravità e dalla sua estensione. Ad ogni modo, in linea di massima sono necessarie dalle 4 alle 10 sedute circa.
I primi risultati si possono apprezzare già dopo le prime sedute, ma il vero miglioramento si può notare solo al termine del ciclo completo.
Generalmente, gli effetti ottenuti con la radiofrequenza in medicina estetica durano dai 6 ai 12 mesi e, al fine di mantenere i risultati, è necessario effettuare delle sedute di mantenimento a determinati intervalli di tempo da concordare con il medico (generalmente, dalle due alle quattro sedute di mantenimento all’anno).

Biorivitalizzazione senza aghi: PEELING CHIMICO

La biorivitalizzazione dei tessuti è una metodica nota da molti anni nel campo della Dermatologia e Medicina Estetica. Si avvale, generalmente, dell’impiego di soluzioni non iniettabili a base di acido ialuronico, complessi aminoacidici e vitamine. La sua funzione è quella di migliorare lo stato di idratazione del derma, la luminosità della pelle ed il tono dei tessuti trattati. Rappresenta, quindi, un valido avversario dei danni provocati dal foto-invecchiamento e dal cronoinvecchiamento.


Nasce, così, un dispositivo medico non iniettabile a base di l’Acido Tricloroacetico modulato con perossido di idrogeno. In realtà questo Acido è stato scoperto nei primi anni del secolo scorso ed ha avuto ampio utilizzo come peeling esfoliante. Le sue funzioni sono duplici: indurre una desquamazione epidermica ed una intensa stimolazione del derma, in particolare dei fibroblasti e del collagene che subiscono un vero e proprio processo rigenerativo. Il prodotto prende origine da questa sostanza, privata dell’azione esfoliante, mentre ne è stata potenziata la funzione biorivitalizzante e ristrutturante.

Con il suo impiego, quindi, avremo una leggerissima esfoliazione superficiale, che darà maggiore luminosità e turgore alla pelle, mentre eserciterà una stimolazione molto potente nel derma più profondo senza causare irritazione in superficie (solo in caso di pelli molto spesse può verificarsi una lieve desquamazione. Il trattamento è semplice, non invasivo e assolutamente indolore, è ripetibile e non lascia tracce visibili: verrà semplicemente effettuato un massaggio profondo che il medico eserciterà, secondo le linee di tensione elastica dei tessuti, con questo prodotto in gel non aggressivo.

Il prodotto è particolarmente indicato nella prevenzione dell’invecchiamento cutaneo, nel ringiovanimento della pelle del viso, del collo e decolletè, per eliminare rughe e solchi, rassodare la cute, migliorarne l’idratazione, la compattezza e la luminosità. E’ utile anche nel ringiovanimento delle mani, nel trattamento dell’acne in fase attiva (portando un netto miglioramento già dalla prima seduta), come coadiuvante nel trattamento del melasma, per ridurre cicatrici, smagliature e macchie cutanee scure e capillari dovute, spesso, ad una esposizione solare esagerata. Proprio per le sue caratteristiche di innocuità e facilità d’impiego, troverà un utile impiego anche sulla cute rilassata del seno. La presenza, poi, all’interno della formulazione anche dell’acqua ossigenata, con la sua azione antibatterica, ne fa un ottimo trattamento nell’acne in fase attiva, portando ad un netto miglioramento già dalla prima seduta.



I risultati saranno visibili, quindi, già dalla prima seduta, ma se si vuole ottenere un risultato più stabile nel tempo, avremo bisogno di ripetere le sedute settimanalmente per almeno 4-6 volte. Poi sarà sufficiente una seduta mensile per un buon mantenimento nel tempo dei risultati. La seduta richiede un tempo di applicazione dai 10 ai 30 minuti, non provoca alcun bruciore e può essere effettuata anche in piena estate, purchè si faccia uso nei primi giorni dopo il trattamento di un filtro solare che il vostro medico saprà consigliarvi.

Questo tipo di peeling rappresenta un nuovo modo di mantenersi giovani, senza traumatizzare la pelle, in modo semplice, naturale e senza complicazioni: un’arma in più per rallentare il nostro invecchiamento.

Mesoterapia e cellulite

La mesoterapia è l’iniezione intradermica distrettuale di un cocktail di farmaci in piccole dosi su di una determinata zona per cui minime quantità di sostanze attive vengono distribuite nel derma e formano dei micro depositi che vengono rilasciati gradualmente per qualche giorno, ottenendo l’effetto terapeutico desiderato.

Lo scopo di questa terapia è favorire l’eliminazione dei liquidi in eccesso, disintossicare l’organismo e migliorare tonicità ed elasticità della cute. L’azione delle iniezioni in mesoterapia, è infatti di tipo antinfiammatorio, vascolare e lipolitico e viene spesso utilizzata, quale valida terapia, per il trattamento della cellulite, in quanto ripristina un buon circolo emolinfatico e migliora le condizioni del tessuto alterato.

La mesoterapia è indicata per il trattamento delle seguenti patologie

• adiposità localizzata
• insufficienza veno-linfatica

Le sostanze ad azione farmacologica da iniettare vengono scelte dal medico a seconda del tipo di patologia da trattare e possono essere farmaci tradizionali, rimedi omeopatici, vitamine, rivitalizzanti cutanei, capillaro-protettivi, antiedemigeni, ecc. Tali sostanze vengono diluite in soluzione fisiologica e vengono iniettate a livello dermico superficiale e non ai livelli più profondi.
Prima del trattamento mesoterapico è necessaria una diagnosi accurata da parte di un medico estetico. I farmaci vengono iniettati mediante multi iniettori che contengono da 3 a 5 aghi lunghi più o meno 4 mm.
Non occorre praticare anestesia in quanto la mesoterapia è indolore. Nella zona trattata comparirà un piccolo pomfo e qualche piccolo ematoma che tenderà a riassorbirsi nel giro di qualche giorno. Solitamente un ciclo di mesoterapia comprende da 10 a 15 sedute con frequenza settimanale, e successivamente da una di mantenimento mensile per stabilizzare i risultati ottenuti.

Risultati clinici ottimali si ottengono abbinando le sedute di mesoterapia alla carbossiterapia.

Dermapen

La nuova terapia per avere una pelle più giovane

Il Dermapen è l’evoluzione del Dermaroller, un dispositivo a microaghi che penetrando nella parte più superficiale del derma stimola i fibroblasti a produrre collagene ed elastina. Permettendo così il ringiovanimento dell’epidermide di viso e corpo.
Il dispositivo consente anche di veicolare negli strati superficiali della pelle, diverse sostanze come l’acido ialuronico libero e il PRP, gel arricchito di piastrine.
Si tratta di una tecnica che permette di cancellare le piccole rughe del viso, attenuare le imperfezioni della pelle e contrastare le antiestetiche smagliature che tormentano le donne.
E’ un trattamento estetico veloce, non invasivo che sfrutta il micro – needling, una tecnica di biostimolazione meccanica anti-età che permette di arrivare ad una profondità maggiore rispetto ad altre tecniche, stimolando una rigenerazione profonda dei tessuti
Il trattamento non richiede ricovero e viene effettuato in ambulatorio. Dopo una disinfezione della cute è possibile applicare subito il trattamento, la cui durata dipende dall’ampiezza della superficie da trattare. Per esempio, il ringiovanimento di un volto maschile richiede circa 30 minuti di lavoro. Anche il numero delle sedute necessarie può variare in base all’inestetismo che deve essere trattato

 

IL TRATTAMENTO CON IL DERMAPEN È DOLOROSO?
La penetrazione del Dermapen arriva in genere a 0.5 millimetri e questo fa si che il trattamento sia di solito indolore. Nel caso sia necessario arrivare ad una profondità maggiore, si applica una pomata anestetica. Si può ricorrere all’anestetico anche nel caso in cui si debba trattare una zona particolarmente delicata.

QUANTO TEMPO DURA L’EFFETTO DEL TRATTAMENTO CON IL DERMAPEN?
Generalmente, i risultati del trattamento con il Dermapen sono visibili dopo il primo trattamento e quelli più significativi si consolidano di seduta in seduta.

HO LE INDICAZIONI GIUSTE PER QUESTO TRATTAMENTO DI DERMAPEN?
Il Dermapen permette di ottenere ottimi risultati in termini di ringiovanimento cutaneo del volto femminile, anche in caso rughe profonde. Inoltre con questa tecnica si possono trattare moltissimi inestetismi, eliminare segni cicatriziali causati da acne o interventi chirurgici, e le antiestetiche smagliature che affliggono le donne, anche quelle più difficili da trattare.
Con il Dermapen si può intervenire anche in zone difficili da raggiungere con il laser, come per esempio l’area del collo e operare in zone delicate come il contorno occhi e le labbra.

COSA DEVO FARE DOPO IL TRATTAMENTO CON IL DERMAPEN?
Al termine della seduta di trattamento con il Dermapen su può tornare alle proprie attività quotidiane subito e in tutta tranquillità. Può succedere che la zona trattata risulti arrossata, ma si tratta di un effetto del tutto normale, indice del fatto che il trattamento è stato applicato correttamente. Dopo il trattamento la zona interessata non deve essere esposta ai raggi solari né alle lampade abbronzanti per almeno una settimana e deve essere protetta con delle creme specifiche indicate direttamente dallo specialista che applica il trattamento.

Parlare con noi è semplice.

Viale Bruno Buozzi 49 - 00197 Roma
Tel. 06 8075 231 (anche nei festivi)
Fax. 06 8069 7035

Orari dello Studio:
Lunedì - Venerdì dalle 9.00 alle 20.00

5 + 10 =