Marinella Basta

Il gesso, prezioso strumento di lavoro nella mia professione quotidiana, è stato il mio grande ispiratore ed “alleato” nell’inizio, oramai 10 anni fa, di questa avventura.
Spinta dalla curiosità per la sua stessa plasticità ne ho sperimentato nuove forme e nuove lavorazioni, si è instaurato così, pian piano, un flusso in cui l’emotività ha soverchiato la razionalità, soffiando sulla materia, solcandola, incurvandola fino a dividerla.
Dal bianco assoluto, alle incursioni cromatiche fino alla sperimentazioni di basi e materie sempre differenti, alla costante ricerca di una forma che non sia forma, di un equilibrio costante tra il reale ed il creativo.